sabato 30 maggio 2009

succhiando l'uva











Succhiando l'uva

(Mina)



Senza te
io non mi sento
c'è qualcosa nell'aria
come se questa estate che ho dentro
desse sete da un pò.

M'immagino ancora con te
fare l'amore nelle vigne
alla vita che bevo con te
succhiando l'uva
m'inchino.

E canto a te
mi dono a te
dovunque vada
m'intono già
e sento già
la vita viva.

Sento te
ma non capisco
c'è qualcosa nell'aria
non so perché
ma ogni volta rinasco
e poi muoio di te.

M'immagino il sole e le dune
fare l'amore nelle vigne
l'amore che non è mai finito
è come il burro
che ci rimane il dito.

Io canto a te
mi dono a te
comunque vada
m'intono già
e sento già
la vita viva.

Il cielo a te
le rose e foglie
e le frattaglie dei nostri cuori
le bocche a bocca di miele e di vino
disgelo tutto quello che vuoi
succhiando l'uva
m'inchino.

E canto a te
mi dono a te
comunque vada
m'intono già
e sento già
la vita viva.

E canto a te
mi dono a te
comunque vada
m'intono già
sarà sarà
la vita viva









domenica 24 maggio 2009

il mio corpo che cambia












Il mio corpo che cambia

(Litfiba - Piero Pelù)



Cos'è cos'è questa sensazione?
E' come un treno che mi passa dentro senza stazione
Dov'è Dov'è il capostazione?
Sto viaggiando senza biglietto e non ho direzione
E' lei è lei che prende la mia mano
e mi accompagna in questo lungo viaggio
andiamo lontano
ecco cos'è tutto il mio stupore
non è facile guardare in faccia la traformazione
E' il mio corpo che cambia nella forma e nel colore
è in trasformazione
è una strana sensazione
in un bagno di sudore
E' il mio corpo che cambia...
e cambia...
e cambia...
e cambia...
e cambia...

Cos'è Cos'è questa sensazione?
E' come un treno che mi passa dentro senza stazione
E dimmi qual'è qual'è la mia direzione
sto viaggiando senza biglietto nè limitazioni
E' il mio corpo che cambia nella forma e nel colore
è in trasformazione
è una strana sensazione
in un bagno di sudore è il mio corpo
che cambia...
e cambia...
e cambia...
e cambia...
e cambia...









venerdì 22 maggio 2009

problemi










Problemi

(Renato Zero)


Vita senza problemi
Dimmi che vita sei.
Anche se non li cerco
Addosso me li troverei…
Problemi di ogni giorno
Che affiorano così,
da quando sono al mondo!
Problemi che mi pongo
O che mi poni tu.
Prete, avvocato, giudice
E via via scendendo giù…
Per arrivare al giorno
Che li risolverò.
Da sveglio sarà meglio!
Ne ho mille di problemi
Ma non mi ucciderei…
Se lo facessi chi risolverebbe i casi miei…
Ho troppi creditori.
Troppe scadenze ho.
Problemi bussano alla porta…
Giuro, gli aprirò!
Rimandare a domani no…
Se il problema è già qua
Più in fretta io lo risolverò…
Più presto, sparirà!

Son belli anche i problemi,
se a viverli si è in due.
Dove non possono le braccia mie,
ci son le tue!
Che vengano i problemi
Ci troveranno qua…
Più forti se siamo insieme!
Problemi sono meglio
Di uno sbadiglio, si!
Meglio che rinunciare
Lasciando viversi così…
L’amore, per esempio,
che stupendo problema è.
E’ un problema, quando c’è.
Un problema, se non c’è.
Amo tutta la gente che
Ha i problemi che vuoi…
Ma sa sempre sorridere,
E non dispera mai

Una vita movimentata
Se è questo che vorrai…
Faranno la stessa strada…
I tuoi problemi e i miei…
Problemi












mercoledì 20 maggio 2009

mareluna










Mareluna

(Pino Daniele)



Stanotte questa luna,
c'illumina la mia vita e la tua

La casa sulla duna, lontana è la città
Il mare ci porterà via, via

Mareluna questa notte
sarai mia ancora

Fino a che la luce arriva ed allora
La luna se ne andrà

Mareluna questo amore ci
sconvolge ancora

Fino a che arriverà l'aurora
Ma il mare resterà
Mareluna











lunedì 18 maggio 2009

fantasmi











Fantasmi

(Renato Zero)



Ore
Settimane, mesi ed anni…
Io qui che conto i giorni…
Che ho speso insieme a te!
Illusioni no…

Prendere e dare, finché si può.
Finché dura!
Condizioni mai…
Incatenare una vita non puoi…
Così…
Senza più ali sei qui!
Solo

Ho imparato a stare da solo…
So cucinarmi un uovo.
So lavare e stirare, io!
Eccomi son qua!
Ma come è amara la verità… Adesso!
E’ bello anche così…
Io mi convinco che va bene così…

E poi,
Io muoio e tu, dove sei!!!
Fantasmi
Ci credi hai fantasmi, tu…

Anime inquiete. Vaganti.
Fantasmi di amori sepolti che…
Rivivono in quei brevi momenti!
No, come un fantasma, non sarò.
Proverò a sorridere anche se,

Tornerai, fantasma, nella notte mia…
Non ti seguirò! Impazzire no!
E’ finita! Vai vai!!!
Non siamo fantasmi!!!
Ne ombre di amanti!
Sveglio

Voglio restare sveglio…
Finché farai la sbaglio,
Di ritornare qua!
Vedrai, cambierai idea…
Esaurita ogni risorsa tua… svuotata!
Verrai a cercare qui…
Quell’entusiasmo che hai perduto così…

Povera illusa!
Troverai la porta chiusa…oh! Si!!!
No! Non siamo fantasmi
No! Non siamo fantasmi…

Tornerai, fantasma, nella notte mia…
Non ti seguirò! Impazzire no!
E’ finita! Vai vai!!!
Ne ombre di amanti, no!
Ne ombre di amanti…
Non siamo fantasmi!












sabato 16 maggio 2009

spiagge












Spiagge

(Renato Zero)



Spiagge, immense ed assolate,
Spiagge già vissute, amate poi perdute,
In questa azzurrità, fra le conchiglie e il sale,
Quanta la gente che, ci ha già lasciato il cuore.

Spiagge,
Di corpi abbandonati,
Di attimi rubati,
Mentre la pelle brucia,
Un'altra vela va, fino a che non scompare,
Quanti segreti che, appartengono al mare.
Un'altra estate qui, e un'altra volta qui,
Più disinvolta e più puttana che mai,
Mille avventure che, non finiranno se,
Per quegli amori esisteranno nuove

Spiagge,
Di cocco e di granite,
Di muscoli e di bikini,
Di stranieri e di bagnini,
Quel disco nel juke box,
Suona la tua canzone,
Per la tua storia che,
Nasce sotto l'ombrellone.

Spiagge
Un'altra vela va,
Fino a che non scompare,
Quanti segreti che,
Appartengono al mare.
Un'altra estate qui, e un'altra volta qui,
Più disinvolta e più puttana che mai,
Mille avventure che, non finiranno se,
Per quegli amori esisteranno nuove

Spiagge,
Dipinte in cartolina,
Ti scrivo tu mi scrivi,
Poi torna tutto come prima,
L'inverno passerà,
Tra la noia e le piogge,
Ma una speranza c'è,
Che ci siano nuove
Spiagge...









giovedì 14 maggio 2009

e penso a te












E penso a te

(Lucio Battisti)



Io lavoro e penso a te
torno a casa e penso a te
le telefono e intanto penso a te

Come stai?
E penso a te

Dove andiamo?
E penso a te

Le sorrido abbasso gli occhi e penso a te

Non so con chi adesso sei
non so che cosa fai
ma so di certo a cosa stai pensando
è troppo grande la città
per due che come noi
non sperano però si stan cercando cercando

Scusa è tardi e penso a te
ti accompagno e penso a te
non son stato divertente e penso a te
sono al buio e penso a te
chiudo gli occhi e penso a te
io non dormo e penso a te











martedì 12 maggio 2009

t'immagini











T'immagini

(Vasco Rossi)



T'IMMAGINI
la faccia che farebbero
se da domani davvero
davvero tutti quanti "smettessimo"!!
T'IMMAGINI
quante famiglie sul lastrico
altro che crisi del dollaro
questa sì che sarebbe la Crisi del Secolo!!!

T'IMMAGINI
se fosse sempre DOMENICA
tu fossi sempre libera
e se tua madre fosse meno "nevrotica"!!!

A meno che
non siate già tutti d'accordo con me
che c'è qualcosa che...
QUALCOSA che non va...
NON SO...PERÒ...MAH!

Secondo me
qui c'è qualcuno che ha sbagliato mestiere...
non voglio mica dire che sia cavaliere...per carità....
pero'...pero' qui qualche cosa NON VA!!!

Fantasie, fantasie che volano libere
fantasie che a volte fan ridere
fantasie che credono alle favole...

T'IMMAGINI
la fregatura che han preso
quelli che son partiti
tutti di corsa, tutti quanti per il Messico...

T'IMMAGINI
se fosse sempre Domenica
tu fossi sempre libera
e se tua madre fosse meno Nevrotica!!!

Fantasie, fantasie che volano libere
fantasie che a volte fan ridere
fantasie che credono alle favole...
....favole, favole, favole, favole,
favole......FA! FA! FAVOLE!!!!!











domenica 10 maggio 2009

iris (tra le tue poesie)













Iris (tra le tue poesie)

(Biagio Antonacci e Gemelli Diversi)



Iris tra le tue poesie ho trovato qualcosa che parla di me
le hai scritte tutte con blu su pezzi di carta trovati qua' e la'
dimmi dove, dimmi come....
e con che cosa ascoltavi la mia vita, quando non stavo con te.....
e che sapori e che umori respiravi, quando non stavi con me...
Iris mi viene da dirti...TI AMO e lo sai non l'ho detto mai

QUANTA VITA C'E' QUANTA VITA INSIEME A TE
TU CHE AMI E TU CHE NON LO RINFACCI MAI
E NON SMETTI MAI DI MOSTRARTI COME SEI
QUANTA VITA C'E' IN QUESTA VITA INSIEME A TE

Il mio nome....dillo piano...
lo vorrei sentire sussurrare adesso...che ti sono vicino
la tua voce, mi arriva, suona come un'onda che mi porta il mare,
ma che cosa di più....
Iris ti ho detto TI AMO...e se questo ti piace rimani con me

QUANTA VITA C'E' QUANTA VITA INSIEME A TE
TU CHE AMI E TU CHE NON LO RINFACCI MAI
E NON SMETTI MAI DI MOSTRARTI COME SEI
QUANTA VITA C'E' IN QUESTA VITA INSIEME A TE

dimmi dove, dimmi come.....
e con che cosa ascoltavi la mia vita, quando non stavi con me
e i sapori e che profumi respiravi, quando non stavi con me,
IRIS TI AMO DAVVERO....
E SE QUESTO TI PIACE RIMANI CON ME...












venerdì 8 maggio 2009

stupendo











Stupendo

(Vasco Rossi)



È nei ritagli ormai del tempo
che penso a quando tu eri qui
era difficile ricordo bene
ma era fantastico provarci insieme.

Ed ora che non mi consolo
guardando una fotografia
mi rendo conto che il tempo vola
e che la vita poi è una sola...

E mi ricordo chi voleva
al potere la fantasia...
erano giorni di grandi sogni........sai
erano vere anche le utopie

Ma non ricordo se chi c'era
aveva queste queste facce qui
non mi dire che è proprio così
non mi dire che son quelli lì!

E ora che del mio domani
non ho più la nostalgia
ci vuole sempre qualche cosa da bere
ci vuole sempre vicino un bicchiere!
Ed ora che oramai non tremo
nemmeno per amore...sì!...
ci vuole quello che io non ho
ci vuole "pelo" sullo stomaco!

Però ricordo chi voleva
un mondo meglio di così!
sì proprio tu che ti fai delle storie...(ma dai)...
cosa vuoi TU più di così
E cosa conta "chi perdeva"
le regole sono così
è la vita! ed è ora che CRESCI!
devi prenderla così......

SI!!!!
STUPENDO!
MI VIENE IL VOMITO!
è più forte di me
Non lo so
se sto qui
o se ritorno
se ritorno
se ritorno tra poco, tra poco....tra poco

Però ricordo chi voleva
un mondo meglio di così!
ancora tu che ci fai delle storie...
(ma dai)...
cosa vuoi TU più di così
E cosa conta "chi perdeva"
le regole sono così
è la vita ed è ora che CRESCI!
devi viverla così.......

SI!!!!
STUPENDO!
MI VIENE IL VOMITO!
è più forte di me
Non lo so
se sto qui
o se ritorno
se ritorno











mercoledì 6 maggio 2009

carlos santana








Carlos Augusto Alves Santana (Autlan de Navarro Jalisco, 20 luglio 1947) è un chitarrista Messicano, tra i musicisti di maggior successo nella storia del rock.

Ha cominciato a riscuotere consensi tra gli anni settanta ed ottanta, con il suo gruppo Santana Blues Band.





Già allora mescolava vari generi, quali salsa, rock classico, blues e fusion.

Lì come oggi Santana usava in modo estensivo i suoi assoli di chitarra, e si avvaleva anche di strumenti più tradizionali del suo paese.

In seguito ha continuato a sperimentare questa formula.





Nel corso degli anni novanta Santana rischiò il declino, scongiurato nel 1999 dall'album Supernatural.

Grazie a questo lavoro, il miglior successo della sua carriera, ha fatto conoscere la sua filosofia musicale alle nuove generazioni.






Ha venduto più di 80 milioni di dischi, ed è anche considerato tra i migliori chitarristi rock esistenti.












lunedì 4 maggio 2009

alta marea











Alta marea

(Antonello Venditti)



Autostrada deserta al confine del mare
sento il cuore più forte di questo motore

Sigarette mai spente sulla radio che parla
io che guido seguendo le luci dell'alba

Lo so lo sai la mente vola
fuori dal tempo e si ritrova sola
senza più corpo né prigioniera
nasce l'aurora

Tu sei dentro di me come l'alta marea
che scompare e riappare portandoti via

Sei il mistero profondo, la passione, l'idea
sei l'immensa paura che tu non sia mia.

Lo so lo sai il tempo vola
ma quanta strada per rivederti ancora
per uno sguardo per il mio orgoglio
quanto ti voglio

Tu sei dentro di me come l'alta marea
che riappare e scompare portandoti via

Sei il mistero profondo, la passione, l'idea
sei l'immensa paura che tu non sia mia.

Lo so lo sai il tempo vola
ma quanta strada per rivederti ancora
per uno sguardo per il mio orgoglio
quanto ti voglio

.......per dirti quanto ti voglio
.......per dirti quanto ti voglio
.......per dirti quanto ti voglio














sabato 2 maggio 2009

acqua e sale











Acqua e sale

(Adriano Celentano e Mina)



Semplici e un po' banali
Io direi quasi prevedibili e sempre uguali
Sono fatti tutti così gli uomini e l'amore
Come vedi tanti aggettivi
Che si incollano su noi
Dai che non siamo poi cattivi
Tu non sei niente male
Parli bene e mi sorprendi quando tiri forte
La tua moto dal motore che sento truccato
E va bene guida tu che sei brava più di me
Ed attendo che sia amore,

Ma io sono con te ogni giorno
Perché di te ho bisogno
Non voglio di più
Acqua e sale
Mi fai bere
Con un colpo mi trattieni il bicchiere
Mi fai male
Puoi godere se mi vedi in un angolo ore
Ed ore
Ore piene
Come un lago
Che se piove un po' di meno è uno stagno
Vorrei dire...
Non conviene...
Sono io a pagare amore tutte le pene

Vedi divertirsi fa bene
Sento che mi rido dentro e questo non mi conviene
C'è qualcosa che non va ma non so dirti cosa
È la tua moto che sta giù
Che vorrei guidare io
O meglio averti qui vicino a me?

Ma io sono con te ogni giorno
Perché di te ho bisogno
Non voglio di più.

Acqua e sale
Mi fai bere
Con un colpo mi trattieni il bicchiere
Mi fai male
Puoi godere se mi vedi in un angolo ore e ore
Ore piene come un lago
Che se piove un po' di meno e uno stagno
Vorrei dire...
Non conviene...
Sono io a pagare amore tutte le pene.














Related Posts with Thumbnails

Lettori fissi

Visualizzazioni totali

Globo